Thursday, July 24, 2014

Svezzamento bambini neonati le tabelle

Durante lo svezzamento la regola principale da seguire è la gradualità. Il pediatra fornisce delle linee guida che suggeriscono mese per mese cosa proporre al bambino.

E’ da sottolineare che non esiste una tabella degli alimenti che sia valida in toto per tutti i piccoli. Si tratta solo di informazioni che possono orientare i genitori a fare delle scelte corrette.

In ogni pasto è bene proporre un solo nuovo cibo, così potremo capire cosa esattamente abbia causato un’allergia.

Inoltre, ogni bimbo è un caso particolare; alcuni bimbi sono incuriositi sin da presto da ciò che mangiano i genitori, mentre altri preferiscono continuare ad alimentarsi con il solo latte.

Il pesce si può introdurre a partire dal sesto, settimo mese. Soprattutto agli inizi si può utilizzare quello omogeneizzato alla trota o al merluzzo. Col passare del tempo si può variare, prestando molta attenzione perché questo è un alimento fortemente allergizzante.

L’uovo, è consigliato a partire dal nono mese proponendo solo il tuorlo. E’ fondamentale avere delle uova freschissime e soprattutto di provenienza sicura. L’uovo intero quindi tuorlo ed albume è meglio introdurlo all’anno d’età.

La pasta, sotto forma di pastina di dimensioni ridotte, in genere è consigliata a partire dagli otto mese. Questa scelta coincide con lo spuntare dei primi denti. Quando il bimbo è più piccolo vanno benissimo il riso in crema o la farina di tapioca. La frutta come la mela e la pera sono già assimilabili dal quarto mese, invece per gli agrumi occorre aspettare almeno il nono mese. Anche le fragole e la frutta tropicale vanno proposte più in là, perché sono considerate altamente allergizzanti

L’olio extra vergine d’oliva si può utilizzare come condimento a crudo sin dal quinto mese d’età.

Be Sociable, Share!

Vedi anche:

Esprimi i tuoi pensieri

Cosa stai pensando...